IL MEZZOGIORNO CHE SI TRASFORMA

Una lettura dei cambiamenti delle regioni del mezzogiorno attraverso l’analisi degli indicatori di risultato della Politica di Coesione 2014-2020

5

REGIONI

Le regioni meno sviluppate italiane ammesse a beneficiare del finanziamento del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e del Fondo sociale europeo (FSE).
 

160

INDICATORI DI RISULTATO

Rappresentano una proxy dei cambiamenti attesi a cui sono associati dei valori obiettivo (target). 

 

11

OBIETTIVI TemATICI

Gli investimenti del FESR finanzieranno 11 obiettivi tematici. Ricerca, Agenda Digitale, PMI e Economia a basse emissioni costituiscono le principali priorità.
 

17 

POPOLAZIONE

In queste regioni vivono nel 2018 oltre 17 milioni di persone, il 28,8% della popolazione italiana, con una densità media di 207 ab./Kmq (200 ab./Kmq Italia) e con un indice di dipendenza strutturale pari a 52,2 (56,1 Italia).

Le politiche di coesione per il periodo 2014-2020 sono maggiormente orientate ai risultati.

Un risultato è una conseguenza misurabile che deriva – direttamente o indirettamente – da una relazione causa-effetto. L’approccio alla politica pubblica orientato ai risultati è fondato sul principio che gli interventi pubblici dovrebbero essere focalizzati sull’ottenimento di cambiamenti misurabili invece che sulla gestione di attività o processi.

I risultati attesi costituiscono la promessa verificabile del Programma, anche politica, e pertanto esprimono le trasformazioni cui si ambisce, in modo che esse siano osservabili e scrutinabili dal pubblico e quindi misurabili attraverso indicatori in modo non controverso.

Attraverso MonitoRA è possibile analizzare per ogni indicatore scelto dalle regioni in ritardo di sviluppo nei propri Programmi Operativi, finanziati dal Fondo FESR, lo “stato del cambiamento” e misurare la distanza dai target fissati. Lo strumento consente, inoltre, di isolare l’insieme degli indicatori più critici ovvero quelli per cui il valore attuale è in controtendenza rispetto a quello fissato in sede di programmazione (baseline)....

Un indicatore con associato un target esprime non solo la direzione in cui il Programma si mobilita, ma anche l’intensità dello sforzo che si vuole mettere in campo.

I target finali esprimono il valore dei risultati da conseguire entro il 31 dicembre 2023. Alla chiusura del periodo di programmazione nel 2025 si valuterà se e in che misura tali target siano stati conseguiti.

Il processo di identificazione dei risultati e quindi la costruzione della relazione policy-indicatore, rappresenta una sfida, anche culturale, per le autorità regionali.

Si deve considerare, infatti, che i fenomeni su cui si vuole incidere, rappresentati dagli indicatori di risultato, sono influenzati dalla policy in via diretta e/o indiretta, ma non sono quasi mai interamente determinabili dalla policy stessa, in quanto condizionati generalmente anche da altri fattori. Inoltre per molti ambiti di intervento la policy in campo non è unicamente rappresentata dal POR, ma anche da altri piani e programmi strategici.

MonitoRA rappresenta un ausilio a supporto dei policy maker per verificare l’attendibilità delle scelte effettuate in fase di programmazione.

SELEZIONA LA REGIONE DI INTERESSE


About Us

MEriDIANALAB

MeridianaLab è un Magazine di approfondimento, dibattito, discussione e condivisione sui temi riguardanti le politiche di coesione.